Pulce non c Pulce qualche volta piange ma non sa dire che triste anzi a volte sembra che non sappia nemmeno piangere perch lo fa in un modo che non le scendono le lacrime ma le piange solo la faccia difficile

  • Title: Pulce non c'è
  • Author: Gaia Rayneri
  • ISBN: 9788806199074
  • Page: 458
  • Format: Paperback
  • Pulce qualche volta piange, ma non sa dire che triste anzi, a volte sembra che non sappia nemmeno piangere, perch lo fa in un modo che non le scendono le lacrime, ma le piange solo la faccia difficile da spiegare, comunque non molto importante, perch Pulce piange poco.A raccontarci Pulce e il suo mondo speciale la sorella Giovanna, con la sua voce ironica, ca Pulce qualche volta piange, ma non sa dire che triste anzi, a volte sembra che non sappia nemmeno piangere, perch lo fa in un modo che non le scendono le lacrime, ma le piange solo la faccia difficile da spiegare, comunque non molto importante, perch Pulce piange poco.A raccontarci Pulce e il suo mondo speciale la sorella Giovanna, con la sua voce ironica, candida, intelligente, divagante Pulce una bambina allegra, a cui piace infilarsi negli abbracci degli sconosciuti, stritolarti pi forte che pu Non sa parlare e per scrivere usa un metodo che si chiama Comunicazione Facilitata e funziona cos Tu prendi un bambino autistico, lo fai sedere davanti a un computer, lo tocchi e come per magia gli dai sicurezza, cos lui scrive tutto quello che per tutta la vita si sempre tenuto dentro.Quando un giorno, come tutti i giorni, mamma Anita va a prenderla a scuola, Pulce non c Provvedimenti superiori hanno deciso che loro non sono pi dei buoni genitori, e Pulce stata portata nella comunit Giorni Felici Anita e Giovanna possono farle visita una volta alla settimana, sotto lo sguardo soldato di un educatrice Pap Gualtiero, invece, sua figlia non pu vederla, perch su di lui grava una mostruosa accusa.Giovanna ha solo tredici anni quando comincia questa storiaccia una ragazzina curiosa, con qualche tic nervoso e un gruppetto di amici immaginari E proprio grazie alla sua immaginazione vispa e intelligente, alla sua potente capacit inventiva, Giovanna ci racconta senza retorica e senza patetismi lo scontro tra mondo adulto e infanzia, tra malattia e normalit , tra rigidit delle istituzioni e legami affettivi Il suo sguardo singolare, il suo punto di vista spostato, ci fa vedere improvvisamente le cose, rende intellegibile ci che anche gli adulti faticano a capire E ci spiazza.Un romanzo fresco e spietato, che colpisce per l intensit della scrittura.Un libro miracoloso in cui tragedia e commedia si compenetrano a ogni pagina.

    • [PDF] ✓ Unlimited Þ Pulce non c'è : by Gaia Rayneri ↠
      458 Gaia Rayneri
    • thumbnail Title: [PDF] ✓ Unlimited Þ Pulce non c'è : by Gaia Rayneri ↠
      Posted by:Gaia Rayneri
      Published :2019-02-09T10:47:06+00:00

    About “Gaia Rayneri

    1. Gaia Rayneri says:

      Nel 2009 Einaudi ha pubblicato il suo romanzo d esordio, Pulce non c , il racconto tragicomico tratto da una storia vera della convivenza con l autismo e di un errore giudiziario Nel 2012 esce il film omonimo con Piera Degli Esposti, Marina Massironi e Pippo Delbono, diretto da Giuseppe Bonito.Nel 2011 pubblica per Rizzoli ragazzi il romanzo per bambini Ugone, vincitore del premio Frignano ragazzi.Collabora con l attore comico Paolo Rossi e, tra gli altri, con il regista Alessandro Di Robilant.



    2 thoughts on “Pulce non c'è

    1. "Pulce non c'è" lascia l'amaro in bocca. Per quanto la trama non sia male e il fatto che sia raccontata dalla sorella della protagonista, nonché autrice, ovvero Giovanna, non decolla, non entusiasma il lettore, non lo trascina, non riesce a emozionarlo, a catturarlo. Pulce è una bambina autistica, una bambina senza filtri la cui vita prosegue tra abitudini e routine. Lo stile troppo elementare, troppo semplice non riesce ad accendere quella scintilla nel lettore che rimane con un pugno di mos [...]

    2. Pulce non c'è per nessuno, Pulce è. Tutta la mania di volere vedere problematicità senza accettare una normale disfunzionalità insita in ognuno, tutti i ragionamenti e le congetture e le deduzioni dall'alto non potranno mai vedere le Pulci davvero.Una bellissima scrittura e una storia dolce, nelle sue brutture e nelle sue verità.

    3. Ci sono autori e autrici capaci di calarsi nei panni di preadolescenti e farne personaggi credibili e memorabili. Non questa. La sorella autistica è Margherita, ma la voce narrante Giovanna fa quantomeno sospettare un ritardo mentale. Del resto si potrebbe parlare a lungo della trama, degli allontanamenti dei minori dalle famiglie, dei sospetti di abusi, del ruolo dei servizi sociali sempre scomodo. I temi di discussione certo non mancano, peccato che io l'abbia trovato un romanzo praticamente [...]

    4. Anche questo libro è stato acquistato dopo averne letto non una, ma addirittura due recensioni molto positive sul Corriere della Sera: la prima riferiva anche dell'intervista alla giovane autrice (classe 1986) nel corso del programma L'era glaciale di Daria Bignardi, mentre qui è il link alla seconda.La storia, incredibile e tragicamente vera, è questa: una bambina di nove anni, Margherita, chiamata affettuosamente Pulce, autistica, viene senza neanche uno straccio di spiegazione sottratta al [...]

    5. Dunque, è una storia vera: una storia di ordinaria (pessima) organizzazione dell’assistenza sociale italiana, verrebbe da dire, l’ennesima denuncia di come spesso le cose funzionino a danno di persone con qualche disabilità.Ed è una storia raccontata in prima persona, dal punto di vista di una ragazzina un po’ ingenua e goffa, che non sa come destreggiarsi nelle situazioni che si trova costretta ad affrontare sia a scuola che nell’improvviso vortice burocratico; eppure la sua forza de [...]

    6. Una storia vera, che sarebbe tragica se non fosse raccontata dalla voce spiritosa e disincantata di una ragazzina.Giovanna ci racconta di Pulce, la sua sorellina autistica, e di quando per colpa del metodo della Comunicazione Facilitata la bambina (o la maestra che le sorreggeva la mano) ha scritto un'accusa infondata contro il padre. Inizia un vero e proprio calvario, ma Giovanna non perde la speranza, vede le cose per come sono ma non sopporta i melodrammi, e quindi affronta tutto come un gioc [...]

    7. Pulce non c'è is a beautiful book. perhaps it has touched me even more because i have a sister who also has some troubles with appealing and learning. So learning about what other families do in such cases makes me happy because i can see that love is unconditional. Maybe very few persons can know and feel such real love, a love without boundaries and without conditions, a love that can only be met though an angel. Also, this is a good book for those who ate learning Italian at an intermediate [...]

    8. Un buon romanzo d'esordio su un tema insolito e spinoso come quello dell'autismo infantile.Dopo un inizio un po' claustrofobico dovuto ad una presenza eccessiva di periodi paratattici, scorre meglio e fa presa sul lettore coinvolgendolo tanto nei momenti più drammatici e ricchi di pathos quanto in quelli in cui la protagonista si sforza di sdrammatizzare.Molto bello il finale, che giunge al momento più opportuno a coronamento di un libro profondo che non mancherà di far riflettere.

    9. Nonostante la stesura non sia delle migliori, trovo impossibile non provare un moto di simpatia ed affetto per Pulce, la bimba autistica protagonista di questo racconto, con tutti i suoi pregi, e con quelli che per la società "normale" ( ma non civile ) sono considerati difetti. Pulce vive in un mondo tutto suo, un mondo fatto di Da-Da, di Comunicazione Facilitata, di Panda di pezza e di fotografie utilizzate per esprimersi, un mondo diverso da quello in cui noi viviamo in cui Pulce non c'è.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *